teatrosannazaro

Il Sogno di Morfeo residenza condotta da Antonio Piccolo e cinque attori

in scena

dal 21 Aprile '20
al 30 Aprile '20
residenza creativa per ragazzi condotta da
Antonio Piccolo 

produzione
Teatro in Fabula

 “Il Sogno di Morfeo” - progetto di spettacolo vincitore del bando “Per chi crea” (sezione Nuove Opere), promosso dal Mibac e gestito da SIAE, a supporto della creatività e della promozione culturale dei giovani – vedrà definitivamente la luce entro fine luglio 2020. Tra i requisiti richiesti, il fatto che solo il 20% del cast artistico superasse i 35 anni di età. Nel nostro caso, in un cast di 5 attori, solo un attore infatti li supera. E del resto, anche nel cast tecnico, l’età media è globalmente al di sotto dei 35 anni.

Il progetto si basa sul testo di Antonio Piccolo, peraltro vincitore del Premio “Scena & Poesia” 2019, che verte sul tema dei sogni, intesi nel loro senso fisiologico. Sulla stregua di studi psicoanalitici, antropologici e scientifici, ne approfondisce e ne sviscera le caratteristiche, per metterne in luce l’importanza: cosa sono i sogni? Cosa rivelano di noi? È giusto metterli da parte come “assurdità” o piuttosto dovremmo affrontarli, raccontarli, raccontarceli? 

“Il sogno di Morfeo” trasfigura tutti gli argomenti di cui sopra attraverso il potere del fantastico, della metafora e della simbologia, come un dramma mitologico moderno. Di “antico” ha la presenza di divinità e spiriti: innanzitutto il personaggio di Morfeo, dio dei sogni, e alcuni suoi alleati o avversari. Di “moderno” ha le strumentazioni fantascientifiche con cui agisce, nonché i personaggi umani che sognano: le loro psicopatologie, i loro problemi, le loro parole.


Progettando il lavoro in più fasi, la residenza “Morfeo – Giro di prova” si configura come primo approccio “in piedi” al lavoro, in cui – alla fine del percorso – si possa testare la musica del testo in forma di lettura aperta con il pubblico.