teatrosannazaro

After the end regia di Francesco Saponaro

in scena

dal 20 Dicembre '19

di Dennis Kelly

traduzione
Monica Nappo

con
Denise Capezza
Eduardo Scarpetta

regia e spazio scenico
Francesco Saponaro

After the end nasce come studio per una messa in scena nella stagione 2018/19 per il Cantiere-Sartoria del Teatro Sannazaro, grazie alle sollecitazioni creative dei due protagonisti. Il testo di Dennis Kelly, uno tra gli autori più acclamati della scena contemporanea inglese nella traduzione di Monica Nappo, diventa un spettacolo a cui ho deciso di contribuire, perché è un thriller psicologico forte e carico di tensione.

È proprio lo spazio dove i due attori hanno costruito la loro ricerca di avvicinamento al testo ad essere così incredibilmente verosimile al luogo dell'azione. Un allestimento site-specific in un'ampia stanza con le volte a botte che potrebbe davvero somigliare a un rifugio antiatomico. Un ragazzo e una ragazza sui venticinque anni parlano di un attacco terroristico, un'esplosione. Lui ha portato in braccio lei priva di sensi fino al rifugio. I giorni passano. Lei è angosciata, vorrebbe uscire dal bunker, cerca un modo e una via di fuga. Lui glielo impedisce, comincia ad affamarla razionandole il cibo. Lui è pazzo d'amore per lei che intanto comincia a sospettare che l'esplosione sia solo un'invenzione. Lui la lega a una catena, la violenta. Lei riesce a liberarsi, ma è un gioco al massacro...

After the end è l’emblema di come il grottesco riesca a scandagliare l’animo umano: tutto sensato, plausibile, tutti immedesimati di fronte a questa vita 'artificiale' in un rifugio antiatomico, in cui due ragazzi provano a consumare il tempo in attesa che il mondo di fuori torni a rispondere e a sembrare vivo.

Francesco Saponaro