teatrosannazaro

Stagione 2019/2020

Il nuovo corso del Teatro Sannazaro, che grazie all’impegno del centro di produzione teatrale Tradizione e Turismo si è aperto a diversi concetti di teatro, unendo nella scorsa stagione teatrale generi e linguaggi artistici apparentemente distanti fra loro, trova nella realizzazione del nuovo programma 2019/2020 una dimensione completa.

Questa stagione teatrale riassume infatti per noi le diverse prospettive artistiche possibili, tutti gli sguardi del teatro, sguardi e punti di vista solo apparentemente distanti tra loro, ma indissolubilmente legati dal rispetto per il pubblico . Numerosissime le produzioni presenti in cartellone, tradizionali ed innovative, nell’intento di andare oltre il consueto, senza dimenticare le nostre radici.

Grandi nomi e giovanissimi talenti, per un cartellone ricco di proposte e stimoli, sfide e certezze. Ad affiancare la programmazione principale, infatti il segmento “A volte ritornano”, a cura di Giulio Baffi, che già nelle passate edizioni ci ha permesso di vedere spettacoli cult che meritano di essere riproposti, le residenze artistiche e le performance del cantiere Sartoria, affidate a Francesco Saponaro , idea alla quale rivolgiamo particolare attenzione, per l’importanza di permettere a giovani realtà la possibilità di crescere e trovare collocazione nei maggiori indotti artistici nazionali. Ed ancora, a conferma della volontà nostra di avvicinarci a grammatiche teatrali multiple, le “Prime di settimana”, che vedranno prestigiose identità artistiche coinvolte in un progetto che mira a permettere di vivere il nostro spazio sempre, anche nei giorni ritenuti da sempre poco teatrali.

Volti noti, grandi artisti, registi ed autori in un percorso emozionante perché atipico e completo allo stesso tempo.
Molte collaborazioni con i maggiori organismi produttivi nazionali ma anche con nuove realtà giovani. Partendo dalla domanda che ci siamo posti più volte: “ Che cos’è il teatro?” abbiamo provato a costruire un percorso declinato nelle infinite possibilità che un teatro antico, ma profondamente radicato nel mondo attuale possa offrire. Il teatro è… passione, rispetto, studio, professionalità, creatività, classico, contemporaneo, cult, cantiere, sogno, magia e molto altro. Il teatro è per tutti come diceva Paolo Grassi, ma è anche di tutti, degli artisti noti e dei giovani, degli autori, dei registi, dei produttori, coraggiosi a portare avanti artisti e storie… il teatro è vita! Tutti i giorni… sempre!

OCCHIalTEATRO… e buona visione!”


Lara Sansone