«Napoli non scimmiotta, Napoli crea»: le atmosfere del Café Chantant tra scene e libri – Recensione