GEOPOLITIKS Il mondo che verrà – Festival di Geopolitica

 “Napoli, al via il primo festival di Geopolitica

 La Repubblica 

Il mondo è diventato una piccola sfera dove un avvenimento, anche nella più remota regione, può provocare ripercussioni globali. Cosa determina quindi il nostro presente e cosa dobbiamo attenderci dal futuro?

La sfida che raccoglie Geopolitiks, il festival di geopolitica organizzato dall’associazione Futura e dall’Università degli studi di Napoli L’Orientale è provare a raccontare il cambiamento in atto.
Dal 28 al 30 settembre al teatro Sannazaro studiosi, giornalisti, accademici, politici si daranno appuntamento per affrontare temi quali la guerra in Ucraina, la questione di Taiwan, le grandi ondate migratorie. Per raccontare quanto sia importante il concetto di gratitudine negli equilibri mondiali.

Sul palco ogni giorno dalle 15,30 alle 18 si alterneranno giornalisti come Marco Imarisio, Ugo Tramballi dell’ISPI, Mattia Ferraresi, Valentino Di Giacomo, che dialogheranno con gli accademici. Sabato 30 settembre interverranno Alessandro Pansa, già capo della polizia e direttore del Dis ed Enzo Amendola, già ministro degli affari Europei. L’ingresso alla manifestazione è gratuito.

“L’evento – evidenzia Paolo Wulzer, docente di Storia delle Relazioni Internazionali a L’Orientale – intende
portare a stretto contatto con la città e il territorio alcuni dei saperi specifici e caratteristici dell’Ateneo in tema di relazioni internazionali, studi areali e dinamiche globali”.
“La geopolitica investe le nostre scelte quotidiane. Parliamo di cambiamenti climatici, mancanza di materie prime, ondate migratorie: Geopolitiks vuole diventare il luogo in cui comprenderne meglio le origini e il perché di certe scelte” spiega Alfonso Principe, segretario generale dell’associazione Futura.

La Repubblica

 

Leggi anche: