STEPHEN HOUGH

01/03/18
INTERO platea e palchi I° fila €18 - INTERO palchi II° e III° fila €13 - RIDOTTO (fino a 30 anni) €13 - LAST MINUTE (fino a 25 anni) €5

Claude Debussy –  Clair de Lune, Images (seconda serie);

Robert Schumann – Fantasia in do maggiore  op. 17;

Claude Debussy – La terrasse des audiences au clair de lune, Images (prima serie );

Ludwig van Beethoven – Sonata in fa minore op. 57 ‘Appassionata’


STEPHEN HOUGH

Grazie alla sue straordinarie doti di strumentista, compositore e scrittore, Stephen Hough è unanimemente considerato uno dei più importanti pianisti della sua generazione. The Economist lo ha incluso nella lista dei “Venti Sapienti” ancora in vita. A riconoscimento dei traguardi raggiunti gli è stata conferita la ‘Borsa di Studio MacArthur’ (onorificenza per la prima volta data ad un artista di musica classica) che lo fa entrare di diritto nel novero di scienziati, scrittori e personalità che si sono distinti per il loro contributo alla società contemporanea. Nel 2014 Stephen Hough è stato inoltre nominato Commander Of The Order Of The British Empire nelle onorificenze assegnate nel Regno Unito nel 2014.

Stephen Hough è nato in Inghilterra e si è affermato nel panorama musicale internazionale quando, nel 1983, ha vinto il Primo Premio al Concorso Naumburg di New York. Da allora si è esibito con le più importanti orchestre e nelle sale concertistiche più prestigiose del mondo. È regolarmente ospite dei Festival di Salisburgo, Tanglewood ed Edimburgo, del Mostly Mozart e dei Proms della BBC, dove si è esibito per più di venti volte. Nel 2010 gli è stato assegnato il Royal Philharmonic Society Instrumentalist Award.

Nel corso della stagione 2014/15 Stephen Hough ha registrato i Concerti per pianoforte di Schumann e Dvořák con la  City of Birmingham Symphony Orchestradiretta da Andris Nelsons, mentre altri eventi della stagione comprendono recital alla Carnegie Hall, alla Jordan Hall di Boston, alla Royal Festival Hall di Londra nell’ambito dell’International Piano Series, alla Fundación Scherzo di Madrid, al Conservatorio di Milano per Serate Musicali ed all’Auditorium di Castel Sant’Elmo a Napoli per l’Associazione Musicale A. Scarlatti.

Stephen Hough può vantare una discografia con più di cinquanta incisioni grazie alla quale ha vinto diversi premi internazionali come il Premio ‘Diapason d’Or de l’Année’, diverse ‘nomination’ ai Grammy Awards e otto Gramophone Awards (tra cui due volte il Premio ‘Record of the Year’ e un ‘Gold Disc’). Future incisioni includono le registrazioni di entrambi i Concerti di Brahms, opere di Janáček e Scriabin, e un album intitolato “In the Night” con le prime registrazioni del suo Concerto per pianoforte n.2 (notturno luminoso). La sua acclamata applicazione per i-Pad “The Liszt Sonata” è stata pubblicata dalla Touch Press nel 2013.

Come compositore, Stephen Hough è rappresentato in esclusiva da Josef Weinberger. La Wigmore Hall, il Musée du Louvre, l’organizzazione australiana Musica Viva, i membri dei Berliner Philharmoniker, l’Orchestra Sinfonica di Indianapolis, la National Gallery, la Westminster Abbey e la Westminster Cathedral di Londra gli hanno commissionato la composizione di alcune opere. Nel 2011 la BIS Records ha pubblicato una raccolta di composizioni di Stephen Hough dal titolo Broken Branches e l’incisione da parte del Prince Consort della sua opera intitolata Other Love Songs ha riscosso grande successo di critica e pubblico.

Molto apprezzato anche come scrittore, Stephen Hough ha pubblicato per il Guardian, il Times e il Daily Telegraph, per il quale tiene uno dei blog culturali più popolari. Nell’ottobre del 2012 la Broadbent Gallery di Notting Hill (Londra) ha ospitato la sua prima mostra di dipinti. Dal 2012 è uno dei direttori delle Royal Ballet Companies; è inoltre un Membro Onorario dell’istituto benefico Music in Prisons.

Residente a Londra, Stephen Hough è Professore Ospite alla Royal Academy of Music, detiene la Cattedra Internazionale di Pianoforte presso il Royal Northern College of Music di Manchester ed è nel corpo docente della Juilliard School di New York.